MANGO SI UNISCE AL FASHION INDUSTRY CHARTER DELLE NAZIONI UNITE IN OCCASIONE DELL’ANNIVERSARIO DEL FASHION PACT

L'uso di fibre sostenibili e la riduzione dell'uso di plastica sono due delle priorità dell'azienda

Mango festeggia il primo anniversario dell'adesione al Fashion Pact, periodo durante il quale l'azienda è riuscita a progredire negli obiettivi di sostenibilità prefissati.

In questo primo anno, oltre a stabilire basi comuni per una crescita congiunta, il Fashion Pact sta lavorando per raggiungere gli obiettivi definiti in due dei suoi tre pilastri: la lotta al cambiamento climatico e la protezione degli oceani.

Proprio per quanto riguarda la lotta al cambiamento climatico, lo scorso ottobre Mango ha firmato il Fashion Industry Charter delle Nazioni Unite, una dichiarazione di intenti dell’industria della moda per il clima, che concentra 16 principi affinché il settore della moda proceda in modo congiunto per ridurre l'impatto del settore sul cambiamento climatico. Questi principi, incentrati sulla lotta ai cambiamenti climatici, sono legati all'obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra negli impianti, nella catena di approvvigionamento e nella logistica, ma non solo.

Secondo Beatriz Bayo, incaricata della Responsabilità sociale d'impresa di Mango, "questo accordo è una chiara dimostrazione del fatto che l'industria della moda è impegnata ad agire collettivamente sul cambiamento climatico, un esempio dell'impegno del settore necessario per affrontare la grande sfida legata al clima".

Il Fashion Industry Charter delle Nazioni Unite ha come obiettivo la riduzione delle emissioni di gas serra del 30% entro il 2030. Pertanto, Mango sta effettuando un'analisi dettagliata della propria impronta di carbonio, che porterà alla definizione di obiettivi su base scientifica (SBT - Science-Based Targets) nel corso del 2021 e allo sviluppo del relativo piano di riduzione delle emissioni.

Progetti avviati da Mango

Un altro degli impegni dell'azienda è stato quello di dare priorità all'uso di materiali con un minore impatto ambientale. Seguendo questa linea, Mango ha annunciato a inizio anno l’intenzione di aumentare la quota di fibre sostenibili nelle proprie collezioni e, a tal fine, ha deciso che entro il 2025 il 100% del cotone impiegato nei suoi capi sarà di origine sostenibile. L’azienda prevede inoltre di aumentare l’uso di poliestere riciclato nei suoi capi, portandolo al 50% entro il 2025; inoltre, entro il 2030 il 100% delle fibre di cellulosa impiegate sarà di origine controllata.

Parallelamente, e con l'obiettivo di far avanzare il programma di protezione degli oceani, Mango ha recentemente avviato un progetto per sostituire i sacchetti di plastica dei suoi imballaggi con sacchetti di carta. L'obiettivo dell'azienda è quello di eliminare progressivamente, in collaborazione con i propri fornitori, tutti i sacchetti di plastica utilizzati per la distribuzione dei prodotti lungo la catena di fornitura, pari a circa 160 milioni di unità l’anno. Mango è la prima grande azienda del settore tessile in Spagna a realizzare questo progetto.

Tutte le fotografie pubblicate su press.mango.com possono essere utilizzate unicamente per scopi editoriali e non commerciali. Nel caso di qualsiasi altro utilizzo, è necessario ottenere un’autorizzazione scritta da parte dell’ufficio PR Mango press@mango.com.