Mango chiude il primo semestre dell’anno con una crescita del 25% e prevede un anno record di investimenti

  •        Mango ha chiuso i primi sei mesi del 2022 con un fatturato di 1,214 miliardi di euro, il 24,8% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, superando le vendite registrate nel primo semestre del 2019.
  •        La società ha chiuso il semestre con un margine lordo in crescita rispetto allo stesso periodo del 2021.
  •        I primi sei mesi sono stati caratterizzati dalla forte performance dell’azienda in mercati chiave come Spagna, Francia, Stati Uniti, Regno Unito, Italia e India.
  •        Il gruppo con sede a Barcellona accelererà il ritmo degli investimenti, con la previsione di superare i 124 milioni di euro nell’intero 2022, quasi il triplo rispetto al 2021. La tecnologia, la logistica, le strutture e i negozi rappresenteranno la maggior parte degli investimenti per l’intero anno.
  •        L’azienda continua a sviluppare il suo ecosistema di canali e partners, con un fermo impegno per l’online e sessanta aperture nette entro giugno.
  •        Nel primo semestre dell’anno, Mango ha seguito la sua roadmap sostenibile e, per la prima volta nella storia del marchio, ha collegato il suo debito a criteri ESG (ambientali, sociali e di buon governo aziendale).

BARCELLONA,
14 LUGLIO 2022


Mango, uno dei principali gruppi industriali della moda in Europa, chiude il primo semestre del 2022 con cifre positive. L’azienda ha chiuso i primi sei mesi dell’esercizio in corso con una crescita del fatturato del 24,8%. L’azienda prevede un anno di investimenti record, con aree quali negozi, tecnologia e logistica come principali obiettivi di rafforzamento.

L’azienda ha chiuso il primo semestre dell’anno con un fatturato di 1,214 miliardi di euro, con una crescita a due cifre rispetto ai 973 milioni di euro del 2021. Mango mantiene così il ritmo del 2021 e si lascia alle spalle la pandemia, superando nel primo semestre dell’anno le vendite dello stesso periodo del 2019.

Toni Ruiz, CEO di Mango, sottolinea che “l’evoluzione del primo semestre è un altro segno della nuova fase di crescita in cui si trova Mango”. “I nostri clienti apprezzano e stimano il nostro prodotto e noi abbiamo accelerato la nostra espansione e reso più efficienti le nostre operazioni”, aggiunge. Aquesto proposito, la società ha chiuso il primo semestre con un margine lordo in crescita rispetto allo stesso periodo del 2021.

Nel primo semestre dell’anno, l’evoluzione delle vendite ha tenuto il passo con il recupero della normalità sociale e della situazione geopolitica internazionale. In questo senso, il periodo è iniziato con una recrudescenza della situazione pandemica in Europa, poi è stato condizionato dallo scoppio della guerra in Ucraina e infine dalla revoca delle ultime restrizioni in Europa e dall’arrivo del bel tempo. Mango, un marchio apprezzato dai clienti per l’abbigliamento per le occasioni speciali, ha capitalizzato il ritorno ai negozi da aprile e la ripresa degli eventi sociali.

Presente in oltre 110 mercati in tutto il mondo grazie a un ecosistema distributivo composto da canali e partner internazionali, Mango ha registrato un’evoluzione positiva nelle principali geografie in cui opera, con eccezioni come la Russia. Nel primo semestre dell’anno, la società ha abbandonato le operazioni dirette sul mercato russo, per le quali ha effettuato un accantonamento di 20 milioni di euro.

Particolarmente degne di nota sono le aree geografiche chiave per Mango, come la Spagna e la Francia (dove l’azienda ha appena rinnovato il suo flagship store di Haussmann, a Parigi, e prevede di raggiungere 300 punti vendita entro il 2025), nonché il Regno Unito, dove l’azienda ha in programma aperture in luoghi come il centro commerciale Battersea Power Station di Londra, e l’Italia, con un ambizioso piano di espansione, soprattutto nel sud del Paese.

Altri mercati in cui Mango si è evoluto in modo straordinario sono gli Stati Uniti e l’India, due dei Paesi strategici per l’esercizio in corso. Negli Stati Uniti, Mango ha iniziato a maggio con l’apertura di un flagship store sulla Fifth Avenue a New York, con un piano di sviluppo che mira a raggiungere una rete di quaranta negozi nel Paese entro il 2024. In India, invece, l’azienda ha accelerato lo sviluppo con il partner Myntra fino a raggiungere 50 punti vendita, con una previsione di altre 15-20 aperture nella seconda metà dell’anno.

Alla fine del primo semestre dell’anno, l’azienda aveva una rete di 2.508 punti vendita in tutto il mondo, dopo un totale di 61 aperture nette dallo scorso dicembre. Mango continua a mostrare forza nel canale online, benché i primi sei mesi del 2022 abbiano mostrato un lieve calo del 3,9 rispetto al primo semestre dell’anno scorso (ciò è dovuto al fatto che nello stesso periodo del 2021 erano ancora in vigore restrizioni sul commercio fisico nei principali mercati europei).

                                                                                                 

Investimenti record

In attesa degli sviluppi della seconda metà dell’anno, le previsioni dell’azienda per il 2022 sono di recuperare i dati di vendita precedenti alla pandemia. Mango ha chiuso il 2021 con un fatturato di 2,234 miliardi di euro, in crescita del 21,3% rispetto al 2020 e molto vicino al 2019, quando ha realizzato vendite per 2,374 miliardi di euro. .

Per accompagnare la nuova fase di sviluppo, il gruppo di Barcellona accelererà il ritmo degli investimenti, con la previsione di superare i 120 milioni di euro nel 2022, il che significa quasi triplicare l’investimento del 2021. La tecnologia, la logistica, le strutture e i negozi rappresenteranno la maggior parte degli investimenti per l’intero anno.

Alla fine del primo semestre dell’anno, Mango ha completato i lavori per l’espansione del suo centro logistico di Lliçà d’Amunt (Barcellona) e ha iniziato a installare i sistemi intralogistici. L’espansione, che dopo il suo completamento avrà comportato un investimento totale di 88 milioni di euro, sarà operativa nel 2023 e aiuterà Mango a centralizzare tutte le sue operazioni online e a rispondere al suo sviluppo internazionale.

Mango manterrà anche l’impegno nei confronti dei negozi fisici, una parte essenziale del suo ecosistema di distribuzione. Nella seconda metà dell’anno, l’azienda prevede di aggiungere più di cento punti vendita alla sua rete di distribuzione, con l’obiettivo di chiudere il 2022 con più di 2.600 punti vendita.

Un altro dei principali progetti di Mango è la costruzione della nuova sede aziendale. Il nuovo Campus di Mango, che prevede una ristrutturazione degli spazi attuali e un ampliamento con un nuovo edificio aziendale, sarà operativo nel 2024.

 

Sostenibilità

Nella prima metà dell’anno, Mango ha continuato a fare progressi nel suo percorso sostenibile. La Science Based Targets initiative (SBTi), ente sostenuto dal Patto mondiale delle Nazioni Unite, ha confermato oggi che gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) del Gruppo sono in linea con quanto definito nell’Accordo di Parigi.

Inoltre, ad aprile la società è riuscita, per la prima volta nella sua storia, a collegare il proprio debito a criteri ESG (ambientali, sociali e di corporate governance). Il costo del debito del gruppo si vedrà ridotto se si raggiungerà il 100% di utilizzo di cotone sostenibile, poliestere riciclato e fibre cellulosiche di origine controllata entro il 2025, nonché una riduzione delle emissioni di CO2 di ambito 1 e 2 di oltre il 10%

Nel 2022, Mango ha rivisto le pietre miliari stabilite all’inizio del 2020 come parte del suo piano strategico di sostenibilità e ha deciso di anticiparle. In particolare, prevede che il 100% del poliestere utilizzato sarà riciclato nel 2025, raddoppiando l’obiettivo iniziale fissato per lo stesso anno. Inoltre l’azienda prevede che nel 2025 il 100% delle fibre cellulosiche utilizzate sarà di origine controllata e tracciabile, il che significa raggiungere l’impegno assunto cinque anni prima del previsto. Inoltre, l’azienda mantiene il suo impegno affinché il 100% del cotone usato nei suoi capi sia di provenienza sostenibile entro il 2025.

Nel 2021 Mango ha già raggiunto il 91% di utilizzo di cotone più sostenibile e il 59% di fibre cellulosiche di origine controllata. Inoltre, il 54% del poliestere utilizzato è riciclato, raggiungendo l’obiettivo iniziale con quattro anni di anticipo.

Mango rende visibile il suo impegno per la moda sostenibile attraverso la denominazione Committed, che include tutti gli articoli Mango con un minore impatto ambientale. Nel 2021, i capi con caratteristiche Committed rappresentavano già l’80% della produzione totale, rispetto al 45% del 2020. L’azienda mira ad avere il 100% di capi etichettati Committed entro il 2022.

 

 

 

Per maggiori informazioni contattare:

Pilar Riaño e Miki Herráiz 
616 816 600 / 610 449 839
pilar.riano@mango.com / miguel.angel@mango.com

Jordi Sacristán e Natalia Estepa (Roman) 
666 479 956/646 639 918 
j.sacristan@romanrm.com n.estepa@romanrm.com

 

 

 

Mango, uno dei principali gruppi di moda europei, è un’azienda globale che pone design e creatività al centro del suo modello e una strategia basata sull’innovazione costante, la ricerca della sostenibilità e un ecosistema completo di canali e partner. Fondata a Barcellona nel 1984, l’azienda ha chiuso il 2021 con un fatturato di 2.234 milioni di euro, con il 42% del business proveniente dal canale online e una presenza in oltre 110 mercati. Per maggiori informazioni visitare il sito www.mango.com

Tutte le fotografie pubblicate su press.mango.com possono essere utilizzate unicamente per scopi editoriali e non commerciali. Nel caso di qualsiasi altro utilizzo, è necessario ottenere un’autorizzazione scritta da parte dell’ufficio PR Mango press@mango.com.